COMUNICAZIONE: Non inviate comunicati via email (anche perchè è disattivata... momentaneamente) perchè nessuno li pubblicherà per voi. Se volete pubblicare dei contenuti su questo sito registratevi seguendo l'apposita procedura. Ognuno può pubblicare i propri contenuti ma attenzione a cosa pubblicate e come (non mettete immagini troppo grosse). Gli account che creano problemi saranno rimossi.

Vi chiediamo anche di fare attenzione a come si presenta una news. L'occhio vuole la sua parte... Aggiungete il leggi tutto.

 

Stampa

DAL 20 MARZO sarà "Sindrome dei Panda" - VioladiMarte (MKRecords-Think)

Scritto da On Mag Promotion. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Sindrome: Syn-Dromos, dal greco ‘correre insieme’, ‘agire in contemporanea’; ed è proprio così, come un tsunami emozionale, che la “Sindrome dei Panda” dei Violadimarte vi contaminerà. Il contagio è immediato, e gli stadi si susseguono, partendo da quella moderna paura di agire trasformandosi, poi, in breve tempo, in quella apatia emozionale che si impossessa del nostro quotidiano. I Panda rischiano di estinguersi, lasciandosi dolcemente andare, rinunciando e opponendosi alle macro-regole dell’esistenza. “L’uomo vive se stesso solo nel suo immaginario creando una realtà parallela. Impersona un ruolo che si sceglie o che gli viene affidato...rinunciando alla sua vera essenza e alla verità che continua a pulsargli dentro...”. I VioladiMarte sono affetti da “Sindrome dei Panda” e sanno che l’unico modo per curarsi è avviare una rivoluzione interiore...consapevoli, inoltre, che la cura potrebbe essere la sindrome stessa. Il disco dei VioladiMarte si dipana come un concept-album, un percorso che prende le mosse da un viaggio interiore di ricostruzione e crescita del leader della band Joe Santelli (voce e chitarra). Uno Psycho-Rock dalle venature Indie che trova in una poetica criptica ed ermetica la sua espressione. Sono come Lacrime di Vetro Blu quelle che si versano quando la propria vita è condizionata da scelte che non condividiamo; ed è in quel bosco d’ Alberi d’Amianto che ci rifugiamo, nascondendoci da quel vuoto fondamentale che ci procura la paura di fallire. A suon di chitarre distorte e violoncello, quel Male di Te, diventa il manifesto del “Mal de vivre” che solo un infido Anestetico può placare, facendoci naufragare in un mondo fatto di favole e poesia. Ci si risveglia in un mondo dove la Paragioia dilaga; la Paragioia è quella strana energia che ci porta ad indossare una maschera che diventa il nostro volto per il mondo intero. Sono poche le persone ammesse a guardarci dentro, e tante le persone come Madeleine che in una vita devastata dal rancore puniscono gli altri punendo se stessi e ritrovandosi A Testa in Giù. I Violadimarte sono alla ricerca di quella Vertigine che è riscatto ed illuminazione, quando l’oggetto del desiderio ti disarma, ti tocca dentro, riducendo la tua esistenza all’appagamento di quell’unica necessità che è la difesa di ciò che hai imparato ad amare...e solo in quel momento ti accorgi che Il Tempo non Sente. "Danza per me come una geisha, come una goccia che ritorna nel suo mare". (VioladiMarte) BIO VioladiMarte nasce agli inizi del 2010 dall'incontro di cinque musicisti provenienti da progetti musicali di diversa estrazione: Joe Santelli, Voce e chitarra (Tears and Rage); Stefano Amato, Violoncello e chitarra (Brunori Sas); Marco Verteramo, Basso (Konsentia); Paolo Chiaia, Rhodes e Synth (Tears and Rage); Maurizio Mirabelli, Batteria (Spasulati Band, Amanita Jazz). La passione comune per le strutture armoniche non convenzionali e la scelta linguistica dell'italiano, influenzate da sonorità tipicamente anglosassoni, danno vita ad un mood molto personale sin dalle prime sessioni. La band entra in studio registrando 10 tracce in presa diretta, fotografando l'immediatezza emotiva del loro sound, affidando il lavoro in una fase successiva alle sapienti mani di Daniele Grasso (Afterhours, Cesare Basile, Greg Dulli, John Parish). Il videoclip del singolo “Paragioia” (regia di Fabio Rao) uscito il 20 giugno 2011 ha anticipato, insieme alla "White Session#1", La Sindrome dei Panda.